Le punizioni rendono il cane ansioso e pessimista


Una nuova ricerca americana ha esaminato gli effetti psicologici dell’addestramento basato sulla punizione sui cani da compagnia e ha scoperto che rende il cane ansioso e pessimista.

Qual è il modo migliore per far smettere ai cani di masticare sul tappeto, fare pipì in casa sul pavimento e abbaiare al campanello?

Certamente la risposta è di evitare punizioni, visto che una nuova ricerca americana ha scoperto che tali metodi di addestramento sono dannosi per il benessere dei cani, sia a breve che a lungo termine.

Alcuni proprietari di cani tendono a punire i loro animali domestici urlando o rimproverandoli in altro modo verbalmente, ma la ricerca mostra che questi e altri metodi negativi, sebbene efficaci, possono aumentare i livelli di stress nel cane.

In effetti, una precedente review condotta su 17 studi che ha esaminato gli effetti dei diversi metodi di addestramento sui cani ha scoperto che i metodi di addestramento avversi, come la punizione, non sono in alcun modo più efficaci dei metodi di rinforzo positivo.

La stessa recensione ha anche scoperto che l’addestramento avverso e la punizione possono mettere in pericolo la salute fisica e mentale di un cane.

Tuttavia, gli studi più vecchi nell’analisi includevano principalmente cani poliziotti e cani allevati in laboratori per la ricerca.

Pochi studi hanno esaminato i cani da compagnia e ora i ricercatori hanno mirato a rimediare esaminando gli effetti delle punizioni di routine su 92 cani da compagnia.

Ana Catarina Vieira de Castro, Ph.D., dell’Università di Porto, in Portogallo, è l’autore principale dello studio, cheè stato pubblicato su bioRxiv prima ancora di essere dato alle stampe.

Test a breve termine sugli effetti delle punizioni sui cani

De Castro e il suo team sono partiti dall’ipotesi che i cani addestrati con un metodo avversivo mostrassero più marcatori comportamentali e fisiologici di stress. In secondo luogo, i ricercatori hanno creduto che questi cani avrebbero espresso giudizi più “pessimistici” nei test di bias cognitivi.

I ricercatori hanno reclutato 42 cani da scuole di addestramento che hanno utilizzato metodi basati sulla ricompensa per incoraggiare un buon comportamento. In queste scuole, i cani vengono premiati con il cibo o giocano per il buon comportamento.

Il team ha anche reclutato 50 cani da programmi educativi diversi, in cui urla e strappi al guinzaglio sono elementi di routine della formazione.

De Castro e colleghi hanno filmato i cani durante l’allenamento e hanno prelevato campioni di saliva prima e dopo tre sessioni di allenamento.

I video hanno rivelato che i cani mostravano più segni di stress, come leccarsi le labbra e sbadigliare, e sembravano più tesi. Tali indicatori non sono comparsi tra i cani addestrati alla ricompensa.

Inoltre, i test sulla saliva hanno mostrato livelli elevati di cortisolo nei cani dopo le sessioni di allenamento avverso, mentre i cani nei programmi di allenamento con ricompensa non hanno mostrato cambiamenti nel cortisolo.

La punizione rende i cani ansiosi e più pessimisti

Se in un nostro precedente articolo avevamo parlato di come calmare un cane nervoso e di come far sopravvivere il cane ai fuochi d’artificio e temporali in questo caso invece il team di ricercatori medici voleva vedere se gli effetti dell’allenamento avverso sarebbero persistiti a lungo termine e come avrebbero inciso sul carattere del cane. A tal fine, hanno progettato un compito di pregiudizio cognitivo e lo hanno utilizzato con 79 dei 92 cani, poiché alcuni proprietari non erano disponibili, per vedere come i cani reagivano alla prospettiva di una ricompensa alimentare.

Nell’attività, i cani venivano addestrati ad associare un lato della stanza a una salsiccia. Le ciotole in quel lato della stanza contenevano continuamente salsicce, mentre le ciotole dall’altro lato della stanza no.

Quindi, gli scienziati hanno posizionato una ciotola vuota a metà strada tra i due lati della stanza. La ciotola puzzava di salsiccia, ma i cani non potevano vedere se era vuota o piena.

Tempificando la velocità con cui il cane correva per controllare la ciotola, i ricercatori hanno determinato il loro comportamento ottimista o pessimista.

In test standard come questi, il presupposto è che un cane ottimista correrebbe eccitato nella ciotola, pensando che contenga una ricompensa alimentare, mentre un cane pessimista sarebbe meno desideroso e si muoverà più lentamente.

I ricercatori hanno utilizzato tali test per determinare la salute mentale dei cani e manifestazioni pessimistiche di comportamento correlate all’ansia da separazione e ad altri problemi di salute mentale.

Nell’attuale test, il team ha costantemente scoperto che i cani addestrati con il metodo avversivo erano più pessimisti. In effetti, più il cane era stato punito, più pronunciati erano i risultati.

Gli autori hanno così concluso i loro studi: “I nostri risultati mostrano che i cani da compagnia addestrati con metodi basati sull’avversione hanno avuto un benessere inferiore, rispetto ai cani da compagnia addestrati usando metodi basati sulla ricompensa, sia a breve che a lungo termine”.

Potrebbero interessarti anche:

zooplus.it